News

Il Capogruppo Enio Pavone chiede la convocazione urgente di un Consiglio Comunale straordinario aperto alla cittadinanza per affrontare il tema della chiusura del Casello Autostradale di Roseto degli Abruzzi

L’ex primo cittadino, oggi Capogruppo di “Avanti per Roseto-Roseto al Centro”Enio Pavone, invita il Sindaco Sabatino Di Girolamo a chiedere la convocazione urgente di un Consiglio Comunale straordinario aperto alla cittadinanza e alle attività commerciali, industriali ed imprenditoriali cittadine per affrontare il delicato tema della chiusura del Casello Autostradale di Roseto degli Abruzzi.

Sono ormai circa due mesi che il casello della A14 è chiuso e non si hanno, al momento, notizie certe su quando riaprirà – sottolinea Pavone – tenuto conto dei gravi danni economici ed occupazionali che questa perdurante incertezza sta causando, non solo attività commerciali che operano in quell’area, ma a tutto il nostro territorio e non solo, ritengo sia doveroso convocare un Consiglio Comunale straordinario per dare la massima risonanza e visibilità a questo tema e far sì che tutta la Città di Roseto si stringa “politicamente, socialmente ed economicamente” attorno al proprio primo cittadino e far capire così che un intero territorio, unito, pretende risposte certe e celeri e non può più attendere passivamente gli eventi, sperando che il Casello Autostradale venga riaperto”.

“Non si può più andare avanti così! Si sta procurando un danno irreversibile all’economia locale, non solo alle attività adiacenti all’autoporto. La nostra Città sta subendo un danno di immagine importante che, con l’approssimarsi della stagione turistica, potrebbe avere ripercussioni drammatiche alle quali non voglio nemmeno pensare” conclude Pavone. “Mi auguro che il Sindaco Di Girolamo accolga questa proposta perché sono certo che gli darà maggiore forza e maggiore slancio sui tavoli politici sovraccomunali nei quali, in questi giorni, si sta discutendo di questo tema. Roseto unità e coesa pretende una risposta”.


Facebook

Più Letti

Sopra